Custoditelo gelosamente e insegnatelo a figli, nipoti e citti chianini perché non si estingua.

ABBOLLORE: Di qualcosa estremamente calda. "La minestra è abbollore!" (da bollore)
A UFO: A sbafo. Dalla sigla A.U.F. (ad usum fabricae), posta sui materiali destinati alla costruzione del Duomo di S. Maria del Fiore, esenti da ogni dazio e gabella
AZZANELLA: Parte della carreggiata esterna all'asfaltatura, spesso dissestata.
CHIORBA:  Testa. "Che chiorba dura t'hai!"
PEZZOLA: Fazzoletto, spec. di grandi dimensioni.
TATTAMEO: Di persona stupidotta, bischera.
TOCCO: L'una, le tredici, riferito all'ora: "Che ora è?" "E' il tocco e un quarto!"
TU' NE TOCCHI!: Letteralmente, ti picchio, usato in maggioranza dai genitori verso i figli capricciosi.
VOLERCI LE BINDE: Con grande sforzo e tempo. Da binda, argano [dall'alto tedesco  antico 'winde', argano]
ARRIVARE DOPO I FOCHI DI SAN GIOVANNI: A Firenze, a giugno, si festeggia la festa del santo patrono (San Giovanni Battista). Questa festa comprendeva tornei, un palio di cavalli (ricordato da Dante e Boccaccio), una fiera. Alla fine c´erano i fuochi sui quali si facevano saltare uomini e bestie in base alla tradizione della benedizione `per
ignem´. Arrivare a fuochi spenti significa arrivare a cose fatte. 
CHE S'HA A' IRE?:  Letteralmente: andiamo via?
BISCHERO: Persona poco acculturata e poco furba, che assume atteggiamenti chiaramente poco convenevoli e poco convenienti.L'origine di questo termine non è chiaro, anche se l'ambiente è chiaramente quello Toscano, da Firenze fino alla maremma.  Per qualcuno deriva dall'organo genitale maschile, per altri dal cognome d'una antica famiglia fiorentina celebre per gli investimenti finanziari sbagliati, per altri ancora dalla chiave che regola gli strumenti a corda, per finire con il bischero di padule, che è quell'arbusto che cresce sulle sponde delle paludi, o dei fossi d'acqua ferma, che avendo il  peso sulla sua estremità, è sempre in continuo ondeggiamento, per cui ogni piccola ventata lo muove, come il bischero che si lascia convincere dal primo venuto, senza valutare "con la zucca" sulle spalle. Quindi, anche se usato in maniera scherzosa ed abbastanza colloquiale, significa stupidotto, scemotto, quando non significhi qualcosa di peggio: dipende quindi anche dal tono di voce che viene usato, e dal contesto in cui viene detto. Dall'aggettivo personale, deriva anche l'aggettivo più relativo ad una situazione o ad un contesto: quando si commette una bischerata, significa che si è fatto un qualcosa senza pensarci troppo su, ed il risultato è stato chiaramente fallimentare, come del resto sarebbe stato   lecito attendersi, se solo ci avessimo pensato un poco prima di agire!
AVERE LE CHECHE: O anche le Idee, significa assumere un comportamento da cui traspare con evidenza o un certo stimolo sessuale, oppure una lieve insanezza temporanea che porta a fare discorsi poco sensati.
EH! SE FOSSI NE' MI' CENCI...!: Richiamo di colui che parla alle proprie condizioni di gioventù.
GANZO: Aggettivo che indica, con una certa ammirazione, qualcosa che è capace di stupire. Indica però anche l´amante della moglie o del marito.
GINGILLONE: Colui che è lento nel fare le cose, che magari ne inizia molte e non ne conclude una.
GORA: Traccia salina che viene lasciata dal sudore estivo o primaverile sotto le ascelle delle camicie.
BONA UGO!: Buonanotte... oppure Figuriamoci!
TUMM'HAI BELLE DIVERTITO!:Mi hai gia' stufato.
PETTATA: Dicesi di pendio molto ripido e difficoltoso. Esempio- Manca ancora molto per arrivare in cima?- Sì, bada che pettata c'è da fare ancora!!!
PUNTO: Non è punto la macchina Fiat, ovvero, non è per nulla la macchina Fiat. Punto è proprio un avverbio di negazione assoluta, che sta a   significare che di quella cosa, non ce ne sta proprio neanche una piccolissima parte. C´ hai del pane? Non ce n´ho proprio punto! A si? Non va  punto bene!
DIACERE: Dormire. Es.:" A ì' tocco si va a desinare e dopo si va a diacere a letto ".
O COME TU TI SEI CONCIATO?: Sei vestito male; sei di brutto aspetto.
GIUEEEEE!!!: Esclamazione di stupore
S' ANDA' BENE DI PERRIDERE...!:Frase usata in maniera ironica quando le cose non vanno per il   verso giusto. Es.: " M'hanno fatto la multa anche stamattina... eh s'anda' bene di   perridere...! "
FAVA: Organo genitale maschile, lo si puo' usare per sostituire"bischero". Es.: " tussei proprio una fava! "
ESSERE IN CIAMPANELLE: Stare male... "non essere nei propri cenci"
FARE COME IL MOSCONDORO, CHE GIRA GIRA CASCA SEMPRE NELLA MERDA:Quando un gruppo o una persona non si decide per un posto, un ristorante, una spiaggia e rischia di finire in un postaccio
ESSERE PIU' SUDICIO DEL COCO LANDINO (O COCO LEZZONE): Evidentemente uno chef lercio
ESSERE PIU' DURO DEI SAMMORESI: Si dice perchè gli abitanti di San Mauro a Signa hanno fama di  zucconi
PERETOLA (O SESTO), BROZZI E CAMPI E' LA PEGGIO GENIA CHE CRISTO STAMPI: Questi paesi avevano un tempo una sgradevole fama (Malaparte scrive che i pratesi   vano paura a passare per Campi di notte)
BURRASCHE E PUTTANE LE VENGAN DI PISTOIA: Le nubi nere vengono sempre da ovest...
FARE COME IL LICA, CHE LO METTEVA NEL CULO ALLA MOGLIE PE ASSERBAGLI LA FICA: Quando il gioco non vale la candela...
LEATI DA TRE PASSI: Modo elegante per mandare al diavolo qualcuno
MEGLIO UN MORTO IN CASA CHE UN PISANO ALL'USCIO! : Non ha bisogno di spiegazioni...
SENZA LILLERI, UN SI LALLERA : Senza quattrini non si fa nulla
COSA C'ENTRA IL CULO CON LE QUARANTORE? : L´origine di questo modo di dire fiorentino è attribuita ad un   incidente avvenuto in una chiesa fiorentina, durante posizione solenne del Santissimo Sacramento, pratica
conosciuta col nome di "Quarantore".   Nella chiesa gremita di fedeli sembra che una donna, avvenente e formosa, si sentisse toccare affettuosamente da uno che le stava dietro; alle sue rimostranze, il colpevole cercò di spiegarle più con i gesti che con le parole che l´aveva fatto senza malizia, a causa del   pigia-pigia: "Sono le Quarantore!", bisbigliò candidamente. Al che l´onesta popolana ribattè indignata ed a voce concitata:  "Cosa c´entra il c.... con le
Quarantore". E dal suo punto di vista, non  aveva torto!
DARE LE PASTE : Stravincere, stracciare gli altri concorrenti con tanto anticipo da avere il tempo di cuocere una pastasciutta.
DARE DI BARTA : Ribaltare, capovolgersi.
FARE FORCA : Saltare la scuola.
COME BERE UN OVO : Facilmente.
AVERE LA BOTTEGA APERTA : Eufemismo per "avere i pantaloni sbottonati davanti". "Tu hai la bottega aperta" dice uno, "bah" fa l'altro, abbottonandosi senza fretta "tanto ì padrone gli è un bischero".
ALLAMPANATO : Di persona magrissima: "Secco allampanato"
BRINDELLONE : Persona molto sciatta o trasandato. Oppure, scherzoso, giovanottone non aitante nè ben messo (usato per lo più in questo senso)
CIGNATA : Letteralmente, colpo inferto con una cigna (cinghia, cintura), usato però anche per indicare un forte colpo inferto in generale.
DESINARE : sing. masch. Il pasto principale della giornata, di solito a mezzogiorno. "Dopo desinare" ossia, dopo pranzo.
TAMBURLANO : Simbolo di oggetto ingombrante e antiestetico. Usato anche per  "Mi hai fatto una testa come un tamburlano", mi hai rintronato con le chiacchere o col frastuono.
DARE I' PANE A FETTE : Fare male, picchiare... "E te lo do io i' pane a fette!!!"
AVE’ BEUTO L'ACQUA A I' PORCELLINO : Essere Fiorentini a tutti gli effetti...
CINCI : Pene, per lo piu' piccolo o di bambino.
A CINCI SCIOLTO (A BISCHERO SCIOLTO) : A briglia sciolta, senza freni.

In questo sito utilizziamo i Cookies per permettervi di usufruire dei servizi e non tracciamo i vostri dati. L'unico caso in cui effettivamente trattiamo vostri dati è se decidete di registrarvi per darci una mano, nel qual caso useremo le informazioni fornite per contattarvi in caso di necessità. Potremmo però distribuire cookie di terze parti (es. Google, youtube o Facebook) per permettervi di cliccare i vari "mi piace" o usufruire di servizi simili. Nel caso in cui non vogliate in nessun modo essere tracciati vi consigliamo di utilizzare la funzione di disabilitazione dei cookies o di anonimizzazione del vostro browser. Per saperne di più di come questo sito usa i cookies: Privacy Policy.

Accetto i Cookies da questo sito