Censurato Dario Fo 
Confermata la censura dell'Anomalo Bicefalo

Il signor Dell'Utri cerca una vittoria schiacciante su una piccola televisione in costruzione.
Ha iniziato querelando Atlantide Tv per aver mandato in onda a dicembre lo speciale sull'Anomalo Bicefalo.
Quando uno dei grandi boiardi del nostro paese ti chiede centinaia di migliaia di euro ti fermi a pensarci un attimo.
Ma noi abbiamo deciso di andare avanti perché non possiamo pensare di vivere in una nazione dove non si può dire che un potente è incriminato in un processo e perché. Non è stato eroismo: non ce la siamo sentita proprio di abbassare la testa.
Poi, improvvisamente, ieri, con la pubblicità della trasmissione ormai partita su tutti i maggiori quotidiani italiani Multitemathiques, la multinazionale francese proprietaria del canale che ci ospita (Planet) ha assunto una posizione gravissima e secondo noi assolutamente sbagliata dal punto di vista etico: il blocco della trasmissione di "Anomalo Bicefalo", che sarebbe dovuto andare in onda stasera (venerdì 23) alle 21.00 su Atlantide tv, ospitata dal canale satellitare Planet.
Una decisione che, a quanto sappiamo, ha scavalcato anche la direzione di Multithematiques Italia.
Sostanzialmente non hanno accettato il rischio di avere a che fare con gli avvocati (e i poteri) del gruppo che oggi domina l'Italia, pur non essendo loro destinatari della querela (indirizzata contro Atlantide tv). Ma facendo così Multitemathiques tradisce la missione che è di qualunque organo di informazione. Speravamo di essere al sicuro dalla longa manus dei nostri potenti proprio perché è un'azienda indipendente a ospitare Atlantide Tv. 
Un'azienda francese poi, gente che ha fatto la rivoluzione francese, gente che a certe strangolature della libertà di parola non ci sta', per tradizione e per orgoglio. Abbiamo fatto male i nostri conti. Multitemathiques ha deciso che due guitti e una tv "in costruzione" non valgono il rischio.
Di sicuro si sta scrivendo un'altra pagina vergognosa della storia della libertà nel nostro paese. Non la prima (la lista ormai è chilometrica) ma sicuramente un'ulteriore grave conferma dell'impossibilità di comunicare liberamente fatti essenziali della nostra vita politica e sociale al grande pubblico televisivo, l'impossibilità di fare satira, in una parola l'impossibilità ad essere liberi come la nostra Costituzione prevede.
La situazione che si è creata è veramente grottesca e va analizzata con calma. Sicuramente si tratta di una ferita per una piccola impresa come Atlantide Tv, arrivata fino ad oggi con grandi sforzi a trasmettere più di 80 puntate di inchieste, controinformazione, cultura e satira, ospitando la maggioranza dei grandi censurati italiani (Luttazzi, Santoro, Travaglio, Guzzanti, Paolo Rossi...) e molti censurati meno noti.
L'elemento per ora essenziale, non solo per Atlantide Tv ma nell'interesse della collettività, è che questo episodio di censura non passi sotto silenzio. Speriamo che sempre più persone si rendano conto di quello che sta' succedendo nel nostro paese e si inizi a discutere concretamente su come si possa far nascere una tv LIBERA in Italia.
Per quanto ci riguarda continueremo a impegnarci per sviluppare lo spazio che stiamo costruendo e a essere disponibili, come sempre, a collaborare con tutte le iniziative fattive che vadano in questa direzione. Da stamane stiamo ricevendo e-mail e telefonate al ritmo di 15 al minuto. Anche da questo, della grande solidarietà che in questo momento ci circonda, ci sentiamo caricati e responsabilizzati ad andare avanti.

Censurato all'ultimo momento "L'anomalo bicefalo" di Dario Fo e Franca Rame 22 gennaio 2004, h. 22,30
Questa sera abbiamo appreso che la trasmissione dello spettacolo dei due celebri attori, da sempre "scomodi" per il potere, prevista per domani sera (venerdì 23 alle ore 21.00) all'interno di Atlantide tv, ospite del canale satellitare Planet, è stata bloccata.

La multinazionale francese Multitemathiques, proprietaria di Planet, ha deciso la censura con il pretesto di una querela avanzata da Dell'Utri nel caso Planet avesse osato trasmettere questo spettacolo teatrale che non ha incontrato il gradimento dell'uomo politico, manager, imputato.

Interessante è notare che i punti che innervosiscono l'esimio parlamentare, non sono illazioni frutto di bellicosità politica ma la semplice citazione di atti processuali e accuse mosse da pubblici ministeri. Nel nostro sorridente paese perfino informare sull'operato della magistratura può costare cifre di denaro da capogiro.

La situazione dell'informazione in Italia è, a questo punto, grottesca. Non solo non si può parlare sulle 7 reti controllate direttamente o indirettamente dall'organizzazione del Presidente Onorevole Primo Ministro, non si può neanche fare satira e informazione su una rete satellitare.

Dal 3 novembre abbiamo trasmesso come Atlantide Tv, all'interno di Planet, 80 puntate e ci eravamo illusi che almeno in uno spazio ristretto come quello satellitare un'area di libertà televisiva fosse praticabile, ma ora apprendiamo che qualunque forma di espressione indipendente televisiva è bandita non solo con il ricatto economico delle inserzioni pubblicitarie ma pure con il ricatto delle querele che, quando le fa Dell'Utri, sono in grado di terrorizzare addirittura grandi gruppi economici stranieri.

E speriamo che finalmente sia chiaro a tutti che in Italia c'è gente che pensa di poter fare quel che vuole, quando vuole e togliersi poi la soddisfazione di impedire che si racconti alla grande platea televisiva per quali crimini è processato.
Certo si tratta di una gran brutta figura per chi attua la censura ma l' importante per chi la attua è tenere la verità fuori dalla scatola magica. E' un sistema grossolano per mantenere il potere e continuare a fare i propri affari. Ma funziona e continuerà a funzionare fino a quando la maggioranza dei progressisti si preoccuperà così poco di costruire un' alternativa alla tv asservita a lor signori.

Oggi ad Atlantide tv siamo amareggiati ed arrabbiati ma non abbiamo nessuna intenzione né di farci intimidire né di interrompere l'esperienza avviata che continueremo con tutte le donne e gli uomini di buona volontà che vorranno aiutarci a mantenerla in vita.Atlantide.TV

In questo sito utilizziamo i Cookies per permettervi di usufruire dei servizi e non tracciamo i vostri dati. L'unico caso in cui effettivamente trattiamo vostri dati è se decidete di registrarvi per darci una mano, nel qual caso useremo le informazioni fornite per contattarvi in caso di necessità. Potremmo però distribuire cookie di terze parti (es. Google, youtube o Facebook) per permettervi di cliccare i vari "mi piace" o usufruire di servizi simili. Nel caso in cui non vogliate in nessun modo essere tracciati vi consigliamo di utilizzare la funzione di disabilitazione dei cookies o di anonimizzazione del vostro browser. Per saperne di più di come questo sito usa i cookies: Privacy Policy.

Accetto i Cookies da questo sito