E c'è chi per dormire prende dei calmanti
e quando poi si sveglia ha gli occhi ancora stanchi
e il suono di un tamburo nella testa sai
ormai...
La vita quando picchia picchia duro sai
io mi credevo forte come un muro ma...
non sono che un tamburo consumato già.
Sì la mia pelle si è rotta
ed io son fuori me
per questa ennesima botta
che è la più dura che c'è
quella di perdere te
come farò adesso che...
così forte
batti in me.
Non riesco più a suonare son così svuotato... sì lo so
e seguo questo ritmo ma non ho più fiato.
Che strano tempo che fa nei miei occhi
piove da un giorno
sembra passato un inverno
non mi difendo neanche se mi tocchi
son qui ma son via
e lascio tutto che sia (tutto che sia).
Botta su botta ormai
si piega il ferro lo sai
(la pelle di un tamburo non piega mai)
qualunque cosa mi blocca
qualsiasi cosa mi tocca
mi fa un gran male oramai
e chissà tu come stai
adesso lo sai
non posso più dormire non ci provo neanche
(perché c'è)
c'è una tribù che batte in queste notti bianche
(dentro me)
non sono che un tamburo troppo teso ormai
ormai (non sono che un tamburo)
ora che... batti in me... batti in me...
(c'è un tamburo che batte dentro me
c'è un tamburo che)
batte in me
(c'è un tamburo che batte dentro me
c'è un tamburo che)
batte in me.

In questo sito utilizziamo i Cookies per permettervi di usufruire dei servizi e non tracciamo i vostri dati. L'unico caso in cui effettivamente trattiamo vostri dati è se decidete di registrarvi per darci una mano, nel qual caso useremo le informazioni fornite per contattarvi in caso di necessità. Potremmo però distribuire cookie di terze parti (es. Google, youtube o Facebook) per permettervi di cliccare i vari "mi piace" o usufruire di servizi simili. Nel caso in cui non vogliate in nessun modo essere tracciati vi consigliamo di utilizzare la funzione di disabilitazione dei cookies o di anonimizzazione del vostro browser. Per saperne di più di come questo sito usa i cookies: Privacy Policy.

Accetto i Cookies da questo sito